CRDL

Il Centro Regionale della Danza del Lazio (CRDL) è un ente riconosciuto e sostenuto dal Ministero per i Beni e le Attività Cultuali e Turismo – Direzione Generale per lo Spettacolo dal Vivo, riconosciuto con personalità giuridica dalla Regione Lazio ed è iscritto nelle associazioni operanti nel tempo libero dell’Assessorato Cultura Spettacolo e Sport della Regione stessa.

Il CRDL è una realtà di Produzione, Formazione, Promozione e Distribuzione della Danza e delle arti, la cui mission è sviluppare la ricerca mediante la contaminazione dell’arte coreutica con le discipline artistiche e del corpo affini, la produzione video e la promozione e diffusione della Physical Dance.

La sigla per la produzione è la Mvula Sungani Physical Dance.

Il progetto dell’ente prevede anche lo sviluppo di percorsi promozionali volti alla diffusione dell’arte coreutica all’estero, nel modo della scuola e delle università, dello sport, della cultura popolare e del sociale.

Le attività con cui diffonde la propria filosofia sono:

  • produrre e co-produrre opere coreografiche e multidisciplinari frutto di laboratori e collaborazioni con artisti contemporanei da presentare al proprio pubblico e da distribuire nel corso del prossimo biennio in Italia e all’estero;
  • sostenere, sviluppare ed incentivare la ricerca tra danza, arti, discipline del corpo e nuove tecnologie;
  • proporre sistemi didattici professionali innovativi per danzatori, coreografi ed insegnanti;
  • valorizzare i linguaggi contemporanei;
  • promuovere permanentemente tramite l’audiovisivo, le nuove tecnologie ed il web la contemporaneità dei linguaggi ideati e prodotti stimolando in tal modo l’interesse del nuovo pubblico;
  • diffondere la physical dance come proposta innovativa italiana;
  • dare residenza ad artisti emergenti;
  • potenziare i rapporti con il mondo della scuola e dell’università;
  • rendere vissuti spazi e luoghi storici attraverso le proprie attività e produzioni;
  • creare un sistema di collaborazioni e scambi con strutture analoghe nazionali ed internazionali;
  • rivalutare e qualificare il contesto socio culturale del proprio territorio di residenza mediante un progetto permanente di promozione della danza e delle arti per sviluppare nuovo pubblico;
  • strutturare percorsi capaci di valorizzare l’immenso bacino di storia, tradizione, lingue, dialetti usi e costumi del territorio nazionale;
  • creare percorsi coreutici culturali e di benessere per le diverse fasce d’età;