Danzanetwork

Danzanetwork è il progetto di aggregazione mirato alla promozione e diffusione della danza e della physical dance mediante la formazione ad ogni livello, concorsi, rassegne, festival, eventi e l’avviamento professionale di giovani danzatori nella Compagnia Giovanile – Mvula Sungani Physical Dance II.  E’ previsto al suo interno un percorso di formazione e qualifica orientato al rilascio di attestati di riconosciuti.

Il progetto è stato reso operativo con il protocollo tra il CRDL ente sostenuto dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del Turismo e riconosciuto con personalità giuridica dalla Regione Lazio, che cura tutti gli aspetti artistico/tecnici e l’ASI (Associazioni Sociali Sportive Italiane) ente riconosciuto dal CONI, dal Ministero degli Interni e dal Ministero del Lavoro che cura tutti gli aspetti relativi alla legge 298/91, all’iscrizione al Registro del CONI ed a tutte le coperture assicurative e legali per le Associazioni e Società Sportive che aderiscono al progetto. I due enti per dare forza al progetto si sono affidati alla preziosa guida di due artisti di fama internazionale, l’Etoile Emanuela Bianchini (CRDL) ed il noto autore, regista e coreografo Mvula Sungani (ASI).

Il primo atto è stato quello di creare all’interno dell’ASI un settore organizzato, con un suo regolamento ed una sua struttura tecnico organizzativa per dare a tutti gli iscritti dell’Ente, ed alle ASD ed SSD un servizio qualificato ed unico nel suo genere, andando ad assorbire tutte le attività dell’ASI Danza e del Danza ASI.

Il secondo atto di importanza fondamentale è stato quello di firmare un protocollo internazionale con l’Accademia Nazionale Vaganova Albanese Shkolla e Baletit e con l’A-Zur Danse Académie di Bordeaux che hanno reso il Danzanetwork una realtà che coinvolge tre paesi Italia, Albania e Francia.

Il terzo step è stato quello di dotarsi di una prestigiosa sede nazionale al centro di Roma, moderna e attrezzatissima, capace di ospitare spettacoli, performances, corsi ed eventi: MSPD Studios.  L’operatività del progetto vede l’apertura di poli (nord, centro e sud) con operatori e strutture dotate di aree performative e teatrali.

vai al sito